Chi è stato il più importante in questo sprint bianconero? Chi è stato fondamentale, chi avrebbe potuto fare di più? Le storie di questa stagione della Juventus si sprecano, ma soprattutto i protagonisti sono così tanti che sembra riduttivo sceglierne solo 4. Eppure, di questi tempi, è davvero il numero perfetto.

HIGUAIN

Il momento è di quelli d’oro, sebbene fisicamente non stia proprio al meglio. Eppure l’attaccante argentino ieri è stato schierato dal primo minuto da Allegri: i risultati sono stati incredibili, pure contro l’Atalanta. Ha segnato la rete che ha sbloccato il tutto, e poi ha servito l’assist per il raddoppio: di questi tempi davvero una certezza incredibile.

E allora? Altro giro, altro premio di migliore in campo. Da Pipita a Pepita d’oro. Fa tutto lui, e tutto bene.

BENATIA

Forse più di Chiellini, per quanto il centrale stia facendo una stagione incredibile. Probabilmente la migliore. Però i numeri di Mehdi sono incredibili: zero gol subiti nel 2018, uno è il totale dei gol incassate nelle ultime quindici di campionato. Ne ha fatte più Benatia, appunto, straordinario protagonista di questo cambio di rotta della Juventus. Né Barzagli, né Rugani. Nessuno come il marocchino.

MATUIDI

Come si fa a non accorgersi di questo calciatore? In una partita come quella contro l’Atalanta, il suo apporto è stato determinante: per metà del tempo effettivo si è giocato a centrocampo, e il francese ha collezionato numeri stratosferici. 94,6% di pass accuracy su 69 palloni giocati, poi due contrasti e due intercetti, infine quattro duelli aerei vinti. E’ la palla in banca, è la palla pulita, è il momento di Blaise Matuidi: tornato davvero sul più bello.

APPRFONDIMENTI  Kilyan Mbappé, il nuovo Thierry Henry

DOUGLAS COSTA

Ormai è un titolare. Anzi: ormai è IL titolare. E’ un giocatore di cui non si può più fare a meno: anche contro l’Atalanta, il brasiliano è stato decisivo. Non che avessimo dubbi, ma quella scorribanda così potente che ha aperto un portone per Higuain è stata incredibile. Palla al piede va troppo forte. Per tutti. La Gazzetta oggi scerzava: “Non corre, vola”. E che gli vuoi dire? Buon viaggio.