Febbraio è stato un mese particolare, ma marzo è pazzo: lo dice anche il detto. Vuoi per questioni climatiche, vuoi per la Juventus. Che è sì impegnata su tre fronti, ma che ha anche davanti due muri apparentemente insormontabili come Napoli e Tottenham. Con calma, passeranno anche loro.

Perché marzo sarà particolare? Perché innanzitutto i bianconeri saranno impegnati contro una delle bestie nere dell’ultimo periodo: quella Lazio che, con Simone Inzaghi in panchina, nonostante gli ultimi alti e bassi sta producendo gran calcio. Il 3 marzo toccherà scendere all’Olimpico di Roma. E toccherà fare bottino pieno.

Quattro giorni dopo ci sarà il ritorno degli ottavi di finale di Champions: dopo il 2-2 in casa, a Wembley con il Tottenham sarà durissima. Ma ugualmente possibile, eccome: Harry Kane può far paura quanto si vuole, però questa squadra è costruita per sopperire a tutte le mancanze. Fisiche o mentali che siano. E’ fatta per vincere, modellata secondo il piacimento di Allegri: ergo, una che non molla.

Altro giro, altri quattro tramonti da attendere per rivedere i bianconeri. Per rivederne addirittura due. Sì, perché l’11 marzo non è un giorno come un altro: è quello di Juve-Udinese. Con il Napoli impegnato a Milano contro l’Inter, un’occasione da non perdere: i primi passi falsi potrebbero arrivare proprio tra l’incontro con la Roma al San Paolo e la sfida di San Siro con i nerazzurri. Stare all’erta è il minimo in questa pazza cavalcata.

La Spal il 17 e dulcis in fundo, dopo la sosta, il rientro con il Milan a fine mese. Ma come staranno gli uomini di Gattuso? Di certo, con qualche partita in più sulle gambe, complice anche il passaggio di turno in Europa League.

APPRFONDIMENTI  Juve, prendi questi 3 giocatori dalla Roma

Tempo al tempo, insomma. Ma questi saranno i 30 giorni della verità, sebbene la Juve sia pronta. Infortuni a parte, s’intende. L’ultimo, in ordine cronologico, è stato quello di Mattia De Sciglio, mentre Cuadrado rientrerà solo a sosta terminata. Per ora, Howedes e Dybala son pronti, Higuain e Bernardeschi tra qualche tempo. Con calma, appunto.